Telefono: 06 94015034 Email: info@studiofelli.com  Orari: Lun-Ven 10/13 - 15/18

Aggiornamenti alla normativa anti COVID-19

24 Gennaio 2022
Aggiornamenti alla normativa anti COVID-19

A seguito dell’emanazione del d.l. 30 dicembre 2021, n. 259 e del d.l. 7 gennaio 2022, n.1, ecco le principali novità e gli adempimenti introdotti a tutela della salute e della sicurezza di azienda e dipendenti utili a fronteggiare l’emergenza da COVID-19.

Misure di quarantena e isolamento

Nell’eventualità in cui una persona presente in azienda sviluppi sintomi febbrili o di infezione respiratoria quali tosse, raffreddore o mal di gola, ha l’obbligo di dichiararlo tempestivamente al datore di lavoro o all’ufficio del personale preposto, in ragione dell’art. 20, c. 1 del d.lgs. 81/2008.

In caso di sviluppo della sintomatologia riconducibile all’infezione SARS-CoV-2, il lavoratore non può essere obbligato ad effettuare il tampone: deve essere il medico curante o i Servizi di Igiene e Sanità Pubblica di riferimento a valutare se necessario effettuarlo.

Tuttavia, nel caso in cui il dipendente risulti positivo al Covid-19 dopo aver effettuato il test molecolare o antigenico, l’azienda dovrà adottare alcune misure precauzionali che valuteremo di seguito, al fine di contrastare e contenere la diffusione del virus negli ambienti di lavoro:

  • SOGGETTO POSITIVO AL COVID-19
  1. 7 giorni di isolamento per i soggetti contagiati, che abbiano precedentemente ricevuto la dose “booster” o che abbiano completato il ciclo vaccinale da meno di 120 giorni o che siano guariti da almeno 120 giorni.

Il soggetto che al settimo giorno non abbia sviluppato sintomi dell’infezione o ne risulti privo da almeno tre giorni, potrà effettuare un tampone antigenico rapido o molecolare: in caso di esito negativo, potrà terminare l’isolamento;

  1. 10 giorni di isolamento per tutti i soggetti risultati positivi al test antigenico rapido o molecolare, che non abbiano mai ricevuto il vaccino, che abbiano un ciclo vaccinale incompleto o un ciclo vaccinale primario completo da meno di 14 giorni o da più di 120 giorni. A conclusione del periodo indicato, un test antigenico rapido o molecolare con risultato negativo permette di terminare l’isolamento.
  • CONTATTO STRETTO CON SOGGETTO CONFERMATO POSITIVO AL COVID-19

Quarantena non necessaria per tutti i soggetti che:

  1. Abbiano concluso il ciclo vaccinale primario da 120 giorni o meno
  2. Siano guarite dal Covid-19 da 120 giorni o meno
  3. Abbiano ricevuto la dose di richiamo del vaccino (“booster”)

Tutti questi soggetti dovranno rispettare un periodo di 10 giorni di auto-sorveglianza e valutare l’insorgenza di eventuali sintomi riconducibili all’infezione da Covid-19, con l’OBBLIGO di indossare la mascherina FFP2.

In caso di insorgenza di sintomi o, in caso contrario, al decimo giorno successivo all’esposizione al soggetto positivo al Covid-19, il soggetto dovrà effettuare un test antigenico rapido o molecolare per attestare la negatività all’infezione.

Quarantena preventiva:

  1. 5 giorni dall’ultima esposizione al caso positivo al Covid-19, per soggetti asintomatici che abbiano completato il ciclo vaccinale da più di 120 giorni o che abbiano, comunque, un green pass rafforzato valido. Al quinto giorno, deve essere effettuato un test molecolare o antigenico negativo
  2. 10 giorni dall’ultima esposizione, per i soggetti non vaccinati, che non abbiano completato il ciclo vaccinale primario o che abbiano completato il ciclo vaccinale primario da meno di 14 giorni. Al decimo giorno è necessario un test molecolare o antigenico che attesti la negatività all’infezione.

Ricordiamo, inoltre, che a partire dal 1° gennaio 2022 la quarantena preventiva non è più equiparata alla malattia. Pertanto, in caso di assenza di certificato medico, la quarantena deve essere gestita con ferie e permessi.

Introduzione dell’obbligo vaccinale nel settore pubblico e privato

Con il D.L. 7 gennaio 2022, n. 1 è stato introdotto per la prima volta l’obbligo vaccinale per tutti i cittadini residenti nel territorio dello Stato italiano che abbiano compiuto o che compiranno entro il 15 giugno 2022 il 50° anno di età.

Per quel che riguarda l’ambito lavorativo, si distinguono due situazioni:

  1. NEL SETTORE PRIVATO – l’obbligo vaccinale o il certificato di avvenuta guarigione da Covid-19 dovrà essere posseduto ed esibito solo dai lavoratori over 50. Qualora il requisito anagrafico non sia raggiunto, sarà possibile accedere al luogo di lavoro anche con il solo Green Pass base, rilasciato con l’effettuazione di un test molecolare o antigenico con esito negativo.
  1. NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE – è esteso l’obbligo vaccinale o il certificato di avvenuta guarigione da Covid-19 a tutto il personale in forza, indipendentemente dal requisito anagrafico.

Tale obbligo sarà in vigore a partire dal 15 febbraio 2022 e, diversamente da quanto precedentemente previsto, il controllo sul possesso della certificazione dovrà essere effettuato a tappeto nei confronti di tutti i lavoratori sottoposti all’obbligo.

Per tutti i lavoratori non in possesso di idonea certificazione verde dovrà essere vietato l’accesso sul luogo di lavoro.

Esenzione vaccinale e mutamento delle mansioni

Il soggetto che sia in possesso dei requisiti anagrafici ma abbia una certificazione medica idonea a comprovare l’incompatibilità tra condizioni di salute del lavoratore e la vaccinazione, potrà continuare a rendere normalmente la prestazione lavorativa per tutta la durata dell’esenzione. Allo stesso modo, il lavoratore potrà essere adibito a mansioni anche diverse, senza decurtazione della retribuzione, così da evitare il rischio di diffusione del contagio da SARS-CoV-2.

Articolo di Francesca Sinceri – Studio Felli

Vuoi ricevere i nostri articoli via email? Inserisci i tuoi dati qui di seguito
Leggi gli ultimi articoli
  • Bonus 200 euro una tantum: lo stato dell’arte

    Bonus 200 euro una tantum: lo stato dell’arte

  • I trend della funzione HR, tra evoluzione e rivoluzione

    I trend della funzione HR, tra evoluzione e rivoluzione

  • Temporary Management nelle PMI e opportunità del PNRR

    Temporary Management nelle PMI e opportunità del PNRR

  • 5 consigli per migliorare il Time Management

    5 consigli per migliorare il Time Management

  • Welfare aziendale: le conferme e le nuove tendenze

    Welfare aziendale: le conferme e le nuove tendenze

  • La pianificazione del rischio all’interno della realtà aziendale

    La pianificazione del rischio all’interno della realtà aziendale

  • Cambiare mentalità con il Performance Management

    Cambiare mentalità con il Performance Management

  • 5 priorità secondo i professionisti HR

    5 priorità secondo i professionisti HR

  • Decreto Aiuti: il contributo da 200 euro

    Decreto Aiuti: il contributo da 200 euro

  • Fiducia, flessibilità e digitalizzazione: buone pratiche delle PMI in crescita

    Fiducia, flessibilità e digitalizzazione: buone pratiche delle PMI in crescita

    Scarica gratuitamente il Modello F. i. c. O.
    per ottimizzare la gestione del personale.

    Studio Felli

    Da oltre 15 anni tuteliamo aziende ed imprenditori nella corretta ed equilibrata gestione dei rapporti di lavoro.

    Contatti

    Via Gregoriana 15, 00044 Frascati RM

    Telefono: 06 94015034

    Email: info@studiofelli.com

    Studio Roberto Felli | P.IVA 02348000601 | Via Gregoriana, 15 - 00044 Frascati (RM)