Telefono: 06 94015034 Email: info@studiofelli.com  Orari: Lun-Ven 10/13 - 15/18

Bonus 200 euro una tantum: lo stato dell’arte

23 Giugno 2022
Bonus 200 euro una tantum: lo stato dell’arte

SITUAZIONE ATTUALE

Viste le numerose segnalazioni, cogliamo l’occasione dell’uscita del messaggio INPS n. 2505 del 21.06.2022 per riepilogare lo stato dell’arte relativo al BONUS 200 EURO UNA TANTUM facendo presente che attendiamo la Circolare INPS di riferimento per avere il quadro completo relativo alle condizioni di spettanza dell’emolumento.

Ci auguriamo, inoltre, che con la pubblicazione della CIRCOLARE INPS saremo posti in grado di inviare i MODELLI DI AUTODICHIARAZIONE UFFICIALE che tutti i lavoratori dovranno compilare e consegnare al datore di lavoro al fine di percepire il BONUS di 200 EURO nella busta paga del periodo di competenza LUGLIO 2022.

In attesa di questo auspicabile evento, alleghiamo un’autodichiarazione PROVVISORIA da Noi redatta. Abbiate la pazienza di considerarla una buona prassi che verrà sostituita (speriamo presto!) dalla modulistica ufficiale.

QUADRO NORMATIVO

L. n. 234/2021 – art. 1 comma 121

D.L. N. 50/2022 – art. 21

Messaggio INPS n. 2397/2022 del 13.06.2022

Messaggio INPS n. 2505/2022 del 21.06.2022

REQUISITI PER RICHIEDERE IL BONUS

Il lavoratore deve consegnare al datore di lavoro una dichiarazione con la quale sottoscriva di possedere i requisiti necessari per poter usufruire del bonus una tantum di 200 euro, ovverosia:

  • Di non essere titolare di uno o più trattamenti pensionistici a carico di qualsiasi forma previdenziale obbligatoria, di pensione o assegno sociale, di pensione o assegno per invalidi civili, ciechi e sordomuti, nonché di trattamenti di accompagnamento alla pensione come previsto dal comma 1 dell’art. 32 del D.L. 50/2022;
  • Di non far parte di nuclei beneficiari del reddito di cittadinanza come previsto dal comma 18 dell’art 32 del D.L 50/2022;
  • Di non percepire l’indennità di cui in oggetto alla presente da altro datore di lavoro
  • Di aver beneficiato, per almeno una mensilità nel primo quadrimestre del 2022, dell’esonero contributivo dello 0,8% ex art. 1 comma 121, L. 234/2021.
    L’esonero contributivo in parola spetta per tutto il 2022 a tutti i lavoratori dipendenti che abbiano una retribuzione mensile lorda che non ecceda €2.692,00 (maggiorato – per la mensilità di dicembre 2022 – del rateo di tredicesima).
    ATTENZIONE: il reddito imponibile varia in base agli eventi che hanno caratterizzato la prestazione lavorativa del dipendente. Per esempio:
    a. In caso di malattia, il reddito imponibile sarà più basso in ragione della percezione dell’indennità di malattia INPS;
    Occorre, pertanto, valutare ogni singolo caso ai fini dell’erogazione dell’indennità una tantum.

QUANDO VIENE EROGATO IL BONUS?

Il messaggio INPS n. 2397/2022 ha anticipato che l’indennità una tantum verrà erogata con la retribuzione del mese di luglio 2022, come indicato nella disposizione di legge (art. 31 L. 50/2022).

Per retribuzione di luglio 2022, chiarisce l’INPS con messaggio n. 2505/2022 si intende – fatti salvi casi particolari, come ad esempio i part time ciclici (i c.d. p.t. verticali) – la retribuzione di competenza LUGLIO 2022.

PRECISAZIONI SULLE CONDIZIONI DI SPETTANZA DEL BONUS

Il bonus deve essere erogato dal datore di lavoro anche ai dipendenti (che ne abbiano i requisiti e che siano in forza a luglio 2022):

  • con contratto di lavoro a tempo determinato
  • con retribuzione azzerata in ragione della sospensione del rapporto di lavoro per ammortizzatori sociali in costanza di rapporto (CIGO, CIGS, FIS, CISOA o congedi)

EROGAZIONE DELL’INDENNITA’ DA PIU’ DATORI DI LAVORO

Nel caso in cui l’indennità fosse erogata da parte di più datori di lavoro per il medesimo dipendente, l’INPS comunicherà a ogni datore di lavoro interessato la quota parte dell’indebita compensazione effettuata e, successivamente, avverrà il recupero verso il dipendente.

L’importo indebitamente riconosciuto sarà suddiviso in parti uguali tra i diversi datori di lavoro interessati.

ISTRUZIONI CONTABILI

L’indennità una tantum viene anticipata dai datori di lavoro. La stessa genererà un credito che il datore di lavoro potrà compensare in sede di denuncia contributiva mensile (UNIEMENS)

RINVIO

Si rinvia, per il resto, all’articolo sullo stesso tema da noi redatto:

https://studiofelli.com/blog-studio-felli/decreto-aiuti-il-contributo-da-200-euro/

Vuoi ricevere i nostri articoli via email? Inserisci i tuoi dati qui di seguito
Leggi gli ultimi articoli
  • Bonus 200 euro una tantum: lo stato dell’arte

    Bonus 200 euro una tantum: lo stato dell’arte

  • I trend della funzione HR, tra evoluzione e rivoluzione

    I trend della funzione HR, tra evoluzione e rivoluzione

  • Temporary Management nelle PMI e opportunità del PNRR

    Temporary Management nelle PMI e opportunità del PNRR

  • 5 consigli per migliorare il Time Management

    5 consigli per migliorare il Time Management

  • Welfare aziendale: le conferme e le nuove tendenze

    Welfare aziendale: le conferme e le nuove tendenze

  • La pianificazione del rischio all’interno della realtà aziendale

    La pianificazione del rischio all’interno della realtà aziendale

  • Cambiare mentalità con il Performance Management

    Cambiare mentalità con il Performance Management

  • 5 priorità secondo i professionisti HR

    5 priorità secondo i professionisti HR

  • Decreto Aiuti: il contributo da 200 euro

    Decreto Aiuti: il contributo da 200 euro

  • Fiducia, flessibilità e digitalizzazione: buone pratiche delle PMI in crescita

    Fiducia, flessibilità e digitalizzazione: buone pratiche delle PMI in crescita

    Scarica gratuitamente il Modello F. i. c. O.
    per ottimizzare la gestione del personale.

    Studio Felli

    Da oltre 15 anni tuteliamo aziende ed imprenditori nella corretta ed equilibrata gestione dei rapporti di lavoro.

    Contatti

    Via Gregoriana 15, 00044 Frascati RM

    Telefono: 06 94015034

    Email: info@studiofelli.com

    Studio Roberto Felli | P.IVA 02348000601 | Via Gregoriana, 15 - 00044 Frascati (RM)