Telefono: 06 94015034 Email: info@studiofelli.com  Orari: Lun-Ven 10/13 - 15/18

Cercasi nuovi modelli di Leadership, oltre il superuomo

04 Agosto 2021
Cercasi nuovi modelli di Leadership, oltre il superuomo

I cambiamenti imposti dall’emergenza sanitaria sono stati (e sono tuttora) tangibili sia dal punto di vista organizzativo, con l’incremento del lavoro da remoto e l’esigenza di ripensare quelli che erano meccanismi consolidati in azienda, sia dal punto di vista dell’esercizio della leadership e della capacità di adattamento richiesta al personale aziendale.

In buona sostanza, oltre a una ristrutturazione interna delle modalità di lavoro, abbiamo assistito – in particolare tra quanti abbiamo saputo cogliere l’essenza del cambiamento in atto – a un’accelerazione consistente nell’applicazione dei principi base della People Strategy, che richiedono un’attenzione differente da parte dei manager aziendali verso concetti come la collaborazione, la responsabilità individuale, la fiducia verso i dipendenti e l’attenzione al benessere delle persone coinvolte nell’organizzazione aziendale. 

Il concetto di lavoro di squadra – intesa quest’ultima come fusione delle migliori espressioni delle capacità individuali – si sta affermando come prevalente, in una nuova e più agile organizzazione che poggi le basi sulla frammentazione delle responsabilità, una buona dose di autonomia, una comunicazione e un feedback costante tra i vari elementi della squadra e la dirigenza, e la concentrazione sul risultato finale, ben delineato da una strategia efficace. Come ovvio, a un tale cambiamento organizzativo corrisponde, e non potrebbe essere altrimenti, la richiesta di una leadership meno ossessionata dal controllo e dalla gerarchia e più orientata a favorire e incoraggiare le capacità individuali e il talento, nonché il benessere dei componenti del team.

Ci si muove, insomma, dal concetto di leader “superuomo”, capace nell’immaginario di cambiare da solo le carte in tavola e rivoluzionare un ambiente lavorativo, a quello di leader “aggregatore”, in grado di mettere insieme nella maniera migliore le diverse capacità che ha intorno, grazie a spiccate doti nella gestione delle persone e delle relazioni interpersonali.

Lo dice molto chiaramente Sandro Sereni, Socio Fondatore di Keystone Executive Search, dalle colonne del Il Sole 24 Ore: “Una delle lezioni di questo anno vissuto a fronteggiare gli imprevisti, a distanza, con organizzazioni ‘diffuse’, è la consapevolezza che nessuno, anche il più grande fuoriclasse, possa farcela da solo” … “L’accentratore che mette l’io davanti al noi, semplicemente, non funziona più”. E non è certo un caso se, come emerge da un’indagine qualitativa condotta da EXS Italia su un campione di manager e direttori HR di imprese del nostro Paese riportata dallo stesso quotidiano, quasi due aziende su tre (precisamente il 62,5%) intendano inserire nuove figure di livello executive nel loro management nel breve periodo.

Figura cardine in questa fase di grande trasformazione è certamente quella del Direttore delle Risorse Umane, che se da un lato dovrà cooperare attivamente alla costruzione del nuovo modello organizzativo, dall’altro dovrà necessariamente raffinare e modificare all’occorrenza le sue capacità comunicative per trasmettere tale modello in maniera adeguata al personale e farlo cementare nella cultura aziendale. Rappresenterà una volta di più l’anello intorno al quale si andranno a rimodellare tutti gli equilibri aziendali.

Vuoi ricevere i nostri articoli via email? Inserisci i tuoi dati qui di seguito
Leggi gli ultimi articoli
  • Bonus 200 euro una tantum: lo stato dell’arte

    Bonus 200 euro una tantum: lo stato dell’arte

  • I trend della funzione HR, tra evoluzione e rivoluzione

    I trend della funzione HR, tra evoluzione e rivoluzione

  • Temporary Management nelle PMI e opportunità del PNRR

    Temporary Management nelle PMI e opportunità del PNRR

  • 5 consigli per migliorare il Time Management

    5 consigli per migliorare il Time Management

  • Welfare aziendale: le conferme e le nuove tendenze

    Welfare aziendale: le conferme e le nuove tendenze

  • La pianificazione del rischio all’interno della realtà aziendale

    La pianificazione del rischio all’interno della realtà aziendale

  • Cambiare mentalità con il Performance Management

    Cambiare mentalità con il Performance Management

  • 5 priorità secondo i professionisti HR

    5 priorità secondo i professionisti HR

  • Decreto Aiuti: il contributo da 200 euro

    Decreto Aiuti: il contributo da 200 euro

  • Fiducia, flessibilità e digitalizzazione: buone pratiche delle PMI in crescita

    Fiducia, flessibilità e digitalizzazione: buone pratiche delle PMI in crescita

    Scarica gratuitamente il Modello F. i. c. O.
    per ottimizzare la gestione del personale.

    Studio Felli

    Da oltre 15 anni tuteliamo aziende ed imprenditori nella corretta ed equilibrata gestione dei rapporti di lavoro.

    Contatti

    Via Gregoriana 15, 00044 Frascati RM

    Telefono: 06 94015034

    Email: info@studiofelli.com

    Studio Roberto Felli | P.IVA 02348000601 | Via Gregoriana, 15 - 00044 Frascati (RM)