Telefono: 06 94015034 Email: info@studiofelli.com  Orari: Lun-Ven 10/13 - 15/18

Come aumentare la resilienza della propria organizzazione

07 Dicembre 2022
Come aumentare la resilienza della propria organizzazione

Pensate all’immagine di una molla. Una volta compressa e apparentemente rimpicciolita, essa rimbalza in avanti e sprigiona tutta la sua forza, tornando poi in una posizione di tranquillità. Questa capacità di assorbire gli urti senza crollare, la tanto decantata resilienza, è il vero valore in più delle organizzazioni che oggi hanno successo.

Come tante altre cose, non si realizza all’improvviso e non scende dal cielo, quanto piuttosto è il frutto di un lavoro costante per rendere l’organizzazione capace di navigare attraverso le difficoltà, resistendo quando è necessario, per poi riorientarsi e imparare dalla situazione stessa, raddoppiando gli sforzi su ciò che funziona ed eliminando ciò che invece non funziona. Come aumentare dunque la resilienza della propria organizzazione?

Coloro che prendono decisioni in azienda devono innanzitutto comprendere come gli investimenti su alcuni aspetti siano profittevoli dal punto di vista organizzativo e insieme finanziario. Abbiamo individuato quattro aree nelle quali intervenire in maniera tempestiva:

  1. L’agilità organizzativa. Puntare verso processi decisionali rapidi, basati sulla raccolta di dati e sulla capacità di effettuare fasi di test per apprendere e adeguare i processi alle richieste del mercato.
  2. La responsabilizzazione dei team di lavoro. Autosufficienza e autonomia sono le armi in più delle organizzazioni vincenti, insieme ad un feedback continuo per comprendere in tempo quando aggiustare la rotta.
  3. Una Leadership dinamica e adattabile. Non tanto leader che si attivino davanti alla tragedia imminente o avvenuta, quanto piuttosto persone che investano costantemente nella formazione e nel cambiamento, per dotare l’organizzazione della capacità di reagire sia nel breve che nel lungo periodo.
  4. Il rafforzamento della cultura aziendale. Dotare l’organizzazione di una mentalità resiliente significa disporre nell’immediato delle giuste persone per affrontare le sfide del mercato e insieme saper essere attrattivi verso i migliori talenti, che verranno a fare la fortuna dell’azienda.

Puntare sull’agilità organizzativa permette innanzitutto di impegnare di volta in volta strutture e risorse a seconda della situazione da affrontare, elemento fondamentale di fronte ai momenti di difficoltà. Sapere di non dover bloccare ogni volta i processi per riferire al decisore unico, ma di poter decentrare la responsabilità e insieme favorire l’autonomia, permette una gestione del tempo migliore e più efficiente. Il tempo, in questa fase storica, è emerso come uno dei valori principali da tutelare e tutto quello che può contribuire a sprecarlo va tagliato ed eliminato.

Nel mondo del lavoro odierno, ogni team di lavoro dovrebbe essere composto da persone che si sentano insieme motivate e autorizzate a prendere decisioni. Ripensare in quest’ottica la struttura e la gestione del personale, e insieme curare i collegamenti tra team e con la dirigenza, fa sì che tutto si orienti verso l’efficienza e contribuisca ad evitare il più possibile i colli di bottiglia. Elemento fondamentale a questo riguardo è quello relativo alla “cultura dell’errore”. Guardare all’errore come parte integrante del processo, opportunità di crescita e cambiamento e non come punizione, fa la grande differenza tra un’azienda che possa puntare all’apprendimento continuo, alla crescita e alla creatività, e una ingessata e bloccata dalla paura di sbagliare dei suoi collaboratori.

Ciò porta direttamente a rivedere il concetto di Leadership in una versione necessariamente dinamica, nella quale non sempre tutte le risposte sono chiare fin dal principio, non tutto è immutabile (anzi) e le domande sono parte integrante del processo decisionale. Resi evidenti i limiti della differenziazione binaria tra “giusto” e “sbagliato”, ecco che il leader dell’organizzazione resiliente è capace di vedere opportunità dove altri vedono problemi, sa affidarsi a un feedback puntuale e pone grande attenzione alla comunicazione interna.

Tutto quello che abbiamo sottolineato porta a rafforzare una cultura aziendale che investe sulle capacità dei propri collaboratori, li responsabilizza e sa decentrare il comando, senza dimenticare il benessere personale. Elementi fondamentali per poter risultare attrattivi sul mercato del lavoro, in una fase in cui si stima (dati McKinsey) che quasi la metà delle organizzazioni (il 45%) andrà incontro a carenza di competenze nei prossimi 5 anni. Una situazione che già oggi appare evidente per molte aziende. Definire chiaramente la propria cultura aziendale, rivalutare i pacchetti di retribuzione e benefit per il personale, puntare sulla flessibilità e non fossilizzarsi sull’ufficio come unico luogo deputato allo svolgimento del lavoro sono tutte facce della stessa medaglia.

Il vantaggio di avere un’organizzazione resiliente metterà la propria azienda in una posizione migliore rispetto alla concorrenza. E permetterà durante le fasi di crisi di guardare al bicchiere come mezzo pieno, piuttosto che tristemente mezzo vuoto.

Vuoi ricevere i nostri articoli via email? Inserisci i tuoi dati qui di seguito
Leggi gli ultimi articoli
  • Riconoscere e combattere un ambiente di lavoro tossico

    Riconoscere e combattere un ambiente di lavoro tossico

  • Leadership e controllo dei dipendenti: il paradosso della trasparenza

    Leadership e controllo dei dipendenti: il paradosso della trasparenza

  • A caccia di talenti: dai titoli alle competenze

    A caccia di talenti: dai titoli alle competenze

  • 5 consigli per migliorare il rapporto tra datori e dipendenti

    5 consigli per migliorare il rapporto tra datori e dipendenti

  • Obiettivi verso i quali concentrare le energie organizzative 

    Obiettivi verso i quali concentrare le energie organizzative 

  • Pianificare e comunicare per il bene della leadership aziendale

    Pianificare e comunicare per il bene della leadership aziendale

  • HR: tre parole per raccontare il 2022

    HR: tre parole per raccontare il 2022

  • Il welfare come leva strategica fondamentale per la crescita

    Il welfare come leva strategica fondamentale per la crescita

  • Come aumentare la resilienza della propria organizzazione

    Come aumentare la resilienza della propria organizzazione

  • La definizione delle priorità secondo le Risorse Umane

    La definizione delle priorità secondo le Risorse Umane

    Scarica gratuitamente il Modello F. i. c. O.
    per ottimizzare la gestione del personale.

    Studio Felli

    Da oltre 15 anni tuteliamo aziende ed imprenditori nella corretta ed equilibrata gestione dei rapporti di lavoro.

    Contatti

    Via Gregoriana 15, 00044 Frascati RM

    Telefono: 06 94015034

    Email: info@studiofelli.com

    Studio Roberto Felli | P.IVA 02348000601 | Via Gregoriana, 15 - 00044 Frascati (RM)