Telefono: 06 94015034 Email: info@studiofelli.com  Orari: Lun-Ven 10/13 - 15/18

Comunicazione e feedback contro il Quiet Firing

29 Settembre 2022
Comunicazione e feedback contro il Quiet Firing

Uno degli aspetti che più ci avevano incuriosito, sentendo montare la discussione intorno al nuovo concetto virale del “Quite Quitting”, era la diffusa tendenza a considerare e bollare il fenomeno come l’espressione di una mancanza di voglia di fare da parte del lavoratore – col risultato di addossare dunque su quest’ultimo la gran parte delle responsabilità – piuttosto che come un chiaro difetto in termini di leadership o quantomeno come il concorso di più cause concomitanti.

Ancora una volta, a nostro parere, si affermava invece la centralità della corretta pianificazione di una formazione costante e continua, di piani di incentivazione, di investimenti nella comunicazione all’interno delle strategie organizzative di gestione delle risorse umane (per approfondire: QUI). Un discorso che vale in tutto e per tutto anche per il nuovo argomento virale per quanto riguarda il mondo del lavoro, venuto alla ribalta sempre dai social network proprio in quest’ultimo periodo: il “Quite Firing”.

Che cos’è il Quite Firing

Se a questo punto vi sentite vagamente disorientati, sappiate che l’espressione in questione dà un nome a un fenomeno che invece è conosciuto ed è stato certamente sperimentato da una buona percentuale di lavoratori. Come ha sottolineato Bonnie Dilber, Recruiting Manager presso Zapier, in un post che è diventato popolarissimo su LinkedIn, si parla di “Quite Firing” (che potremmo tradurre in italiano con “licenziamento a fuoco lento”) quando al lavoratore non vengono riconosciuti né feedback né lodi per il suo lavoro, quando gli incontri faccia a faccia con il manager vengono cancellati senza preavviso, quando gli aumenti di stipendio sono in percentuale minori rispetto a quelli di altri colleghi, quando non si ha accesso a progetti interessanti o che offrono opportunità, quando non si viene coinvolti in un piano di sviluppo della propria carriera.

Quando, insomma, il lavoratore si sente come un fantasma all’interno dell’organizzazione e non gli rimane altro da fare che decidere di dimettersi.

Sempre sulla piattaforma LinkedIn l’argomento è stato affrontato anche con un sondaggio, incentrato su quanti l’avessero vissuto in prima o in terza persona. Il sondaggio, che ha raccolto oltre 20mila voti, riporta come nel 35% dei casi il fenomeno sia stato vissuto sulla propria pelle dal lavoratore, mentre il 48% del campione conferma di essere stato testimone di episodi di “Quiet Firing” sul posto di lavoro. Più di 8 lavoratori su 10, insomma, sanno bene di cosa si stia parlando.

I danni del Quite Firing e come contrastarlo

Tutto ciò può fare il bene dell’organizzazione? Per chiunque creda nei riflessi positivi, a livello organizzativo, produttivo e di fatturato, dell’investimento su una cultura aziendale improntata al benessere e al coinvolgimento, appare un evidente controsenso. E spetta proprio ai professionisti HR e ai manager in prima linea il compito innanzitutto di interrogarsi sulla propria condotta personale, e quindi di adottare le giuste contromisure rispetto alla possibilità che in azienda possano verificarsi tali fenomeni.

Comunicazione e feedback regolari ricoprono da questo punto di vista un ruolo centrale, per far sì che ogni dipendente possa avere ben chiari quali sono i suoi punti di forza e di debolezza, e sia incoraggiato a costruire un rapporto basato su lealtà e onestà. Il professionista HR dovrebbe infatti in ogni modo spingere verso la trasparenza dei rapporti tra dirigenza e collaboratori, intercettando situazioni di malcontento prima che si manifestino in maniera dilagante e difficilmente arrestabile nella cultura di un’azienda.

In fondo, che si tratti di Quite Quitting o di Quite Firing, quello che a nostro parere deve essere valutato in una nuova maniera è proprio il sistema di relazioni tra datori di lavoro e dipendenti, senza voltare la faccia davanti alle nuove esigenze che stanno emergendo e senza avere timori davanti a un riassetto degli equilibri. Mai come in questa fase, il ruolo dei professionisti HR appare cruciale.

Vuoi ricevere i nostri articoli via email? Inserisci i tuoi dati qui di seguito
Leggi gli ultimi articoli
  • La definizione delle priorità secondo le Risorse Umane

    La definizione delle priorità secondo le Risorse Umane

  • Abbiamo un problema con il coinvolgimento del personale

    Abbiamo un problema con il coinvolgimento del personale

  • A proposito di amicizia sul posto di lavoro

    A proposito di amicizia sul posto di lavoro

  • Professionista HR, ecco 4 consigli da tenere a mente

    Professionista HR, ecco 4 consigli da tenere a mente

  • Come stimolare la creatività sul posto di lavoro

    Come stimolare la creatività sul posto di lavoro

  • La digitalizzazione nel settore delle Risorse Umane

    La digitalizzazione nel settore delle Risorse Umane

  • E se lavorassimo quattro giorni alla settimana?

    E se lavorassimo quattro giorni alla settimana?

  • C’è bisogno di una ri-organizzazione del lavoro

    C’è bisogno di una ri-organizzazione del lavoro

  • Come mettere fine alla “paranoia della produttività”?

    Come mettere fine alla “paranoia della produttività”?

  • Comunicazione e feedback contro il Quiet Firing

    Comunicazione e feedback contro il Quiet Firing

    Scarica gratuitamente il Modello F. i. c. O.
    per ottimizzare la gestione del personale.

    Studio Felli

    Da oltre 15 anni tuteliamo aziende ed imprenditori nella corretta ed equilibrata gestione dei rapporti di lavoro.

    Contatti

    Via Gregoriana 15, 00044 Frascati RM

    Telefono: 06 94015034

    Email: info@studiofelli.com

    Studio Roberto Felli | P.IVA 02348000601 | Via Gregoriana, 15 - 00044 Frascati (RM)