Telefono: 06 94015034 Email: info@studiofelli.com  Orari: Lun-Ven 10/13 - 15/18

Crisi di impresa e monitoraggio degli appalti, le novità del 2022

14 Gennaio 2022
Crisi di impresa e monitoraggio degli appalti, le novità del 2022

Di sicuro interesse sono le novità del 2022 in tema di Crisi di impresa e monitoraggio degli appalti introdotte dall’INPS:

  • il primo punto riguarda la procedura denominata “VE.R.A. e Certificazione dei Debiti Contributivi”, che rende operativo quanto previsto dal comma 1 dell’articolo 363 del Codice crisi di impresa e di insolvenza.

Il testo in vigore dal 16 marzo 2019 recita infatti che l’INPS e l’INAIL, su richiesta del debitore o del tribunale, comunicano i crediti dagli stessi vantati nei confronti del debitore a titolo di contributi e premi assicurativi, attraverso il rilascio di un certificato unico.

Il debitore che intenda chiedere l’accesso a una delle procedure di regolazione della crisi o dell’insolvenza ai sensi dell’articolo 39 del Codice deve provvedere al deposito della certificazione di cui all’articolo 363. Il Tribunale, ai sensi dell’articolo 42 del Codice, può a sua volta richiedere la medesima certificazione a seguito della domanda di apertura della liquidazione giudiziale o del concordato preventivo.

Novità importante perché rende essenziale l’attività di prevenzione e verifica dei debiti contributivi da parte di aziende e/o ditte individuali.

  • il secondo punto riguarda MoCoa ovvero la nuova piattaforma di monitoraggio sulla congruità occupazionale negli appalti sul portale INPS. Il sistema MoCoa, attraverso un’attività di verifica ed “incrocio” di dati con quelli dichiarati nei flussi Uniemens dagli appaltatori e subappaltatori. La finalità è quella di rilevare tempestivamente eventuali comportamenti non corretti, con la possibilità di mettere in atto azioni correttive. La procedura sarà avviata dal committente, al quale spetta la registrazione dell’appalto nel MoCoa e l’inserimento di una serie di dati, fra i quali la durata e la tipologia dell’appalto, la sua ubicazione a livello territoriale, multiterritoriale o nazionale, il suo valore economico e i nomi delle aziende appaltatrici e subappaltatrici interessate. A quel punto il sistema genera in automatico un codice identificativo appalto (Cia) e lo invia tramite PEC agli appaltatori/subappaltatori. Questi ultimi a loro volta accedono all’applicativo e tramite lo stesso codice registrano i lavoratori allocati sullo specifico appalto indicando anche la percentuale di allocazione mensile degli stessi.

Un passo in avanti per un monitoraggio capillare sulla trasparenza degli appalti.

Articolo redatto da Stefano Capuano

Cliccando QUI è possibile scaricare il comunicato dell’INPS

Vuoi ricevere i nostri articoli via email? Inserisci i tuoi dati qui di seguito
Leggi gli ultimi articoli
  • Bonus 200 euro una tantum: lo stato dell’arte

    Bonus 200 euro una tantum: lo stato dell’arte

  • I trend della funzione HR, tra evoluzione e rivoluzione

    I trend della funzione HR, tra evoluzione e rivoluzione

  • Temporary Management nelle PMI e opportunità del PNRR

    Temporary Management nelle PMI e opportunità del PNRR

  • 5 consigli per migliorare il Time Management

    5 consigli per migliorare il Time Management

  • Welfare aziendale: le conferme e le nuove tendenze

    Welfare aziendale: le conferme e le nuove tendenze

  • La pianificazione del rischio all’interno della realtà aziendale

    La pianificazione del rischio all’interno della realtà aziendale

  • Cambiare mentalità con il Performance Management

    Cambiare mentalità con il Performance Management

  • 5 priorità secondo i professionisti HR

    5 priorità secondo i professionisti HR

  • Decreto Aiuti: il contributo da 200 euro

    Decreto Aiuti: il contributo da 200 euro

  • Fiducia, flessibilità e digitalizzazione: buone pratiche delle PMI in crescita

    Fiducia, flessibilità e digitalizzazione: buone pratiche delle PMI in crescita

    Scarica gratuitamente il Modello F. i. c. O.
    per ottimizzare la gestione del personale.

    Studio Felli

    Da oltre 15 anni tuteliamo aziende ed imprenditori nella corretta ed equilibrata gestione dei rapporti di lavoro.

    Contatti

    Via Gregoriana 15, 00044 Frascati RM

    Telefono: 06 94015034

    Email: info@studiofelli.com

    Studio Roberto Felli | P.IVA 02348000601 | Via Gregoriana, 15 - 00044 Frascati (RM)