Telefono: 06 94015034 Email: info@studiofelli.com  Orari: Lun-Ven 10/13 - 15/18

Decreto Aiuti: il contributo da 200 euro

17 Maggio 2022
Decreto Aiuti: il contributo da 200 euro

Lo scorso 2 maggio 2022 è stata annunciata dal Premier Draghi durante la conferenza per la presentazione del nuovo Decreto Aiuti una nuova misura di sostegno ai redditi, rivolta ad un’ampia platea di italiani: si tratta di un contributo di € 200,00 erogato una tantum che, di fatto, ha l’obiettivo di sostenere le famiglie a livello economico per fronteggiare il carovita riscontrato nei primi mesi dell’anno 2022.

A chi spetta

Il bonus è previsto per le seguenti categorie di persone, purché vengano rispettate determinate caratteristiche reddituali:

  1. Lavoratori dipendenti (in cui rientrano anche lavoratori domestici, colf e lavoratori stagionali) che:
    • Non abbiano trattamenti pensionistici in corso;
    • Nel primo quadrimestre 2022, abbiano beneficiato dello sconto sui contributi stabilito dall’ultima legge di bilancio, per almeno un mese. A tal fine, ricordiamo che lo sconto contributivo dello 0,8% spetta a condizione che la retribuzione imponibile mensile non ecceda l’importo di € 2.692,00, maggiorato del rateo di tredicesima.
    • Abbiano una Retribuzione Annua Lorda (RAL) nel 2022 fino a € 34.996,00;
  2. Lavoratori autonomi per i quali un successivo decreto interministeriale fisserà i requisiti reddituali che dovranno essere rispettati per poter richiedere il contributo e la relativa misura dell’indennità;
  3. Percettori di Naspi e Dis-Coll, pensionati e percettori di reddito di cittadinanza che abbiano un reddito personale complessivo del 2022 non superiore ai € 35.000,00.

Come richiedere il bonus

Il bonus verrà accreditato direttamente in busta paga da parte dei datori di lavoro, sia pubblici che privati, i quali, in sede di conguaglio di fine anno, verificheranno se il contributo spetta effettivamente. In caso contrario, provvederanno al relativo recupero.

Per quel che riguarda, invece, i pensionati e i percettori di Naspi e Dis-Coll, l’INPS erogherà direttamente il bonus.

Per i percettori di Reddito di Cittadinanza, invece, l’importo verrà erogato a seguito di verifiche da parte dell’INPS che escludano:

  1. coloro che ottengono già il bonus perché pensionati;
  2. coloro che ottengono già il bonus perché lavoratori dipendenti ma con un reddito basso.

Diversamente da questa platea di cittadini, invece, i lavoratori domestici – con uno o più rapporti in regola – dovranno fare richiesta tramite patronato per ricevere il bonus.

Quando verrà erogato il bonus

Il periodo di erogazione stimato per l’erogazione del bonus varia da giugno e luglio 2022:

  1. GIUGNO 2022 – lavoratori dipendenti, percettori di Naspi e Dis-Coll
  2. LUGLIO 2022 – lavoratori domestici, pensionati e percettori di Reddito di Cittadinanza

Cosa forma il reddito

Il bonus erogato non rientra nel reddito imponibile fiscalmente.

Allo stesso tempo, per il diritto all’indennità non rileva come reddito quello della casa di abitazione, i trattamenti di fine rapporto e gli assegni familiari.

UPDATE 19/5/2022 – A seguito dell’avvenuta pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana del Decreto, vi invitiamo a cliccare sul bottone qui sotto per scaricare la nostra tabella riepilogativa.

Vuoi ricevere i nostri articoli via email? Inserisci i tuoi dati qui di seguito
Leggi gli ultimi articoli
  • Bonus 200 euro una tantum: lo stato dell’arte

    Bonus 200 euro una tantum: lo stato dell’arte

  • I trend della funzione HR, tra evoluzione e rivoluzione

    I trend della funzione HR, tra evoluzione e rivoluzione

  • Temporary Management nelle PMI e opportunità del PNRR

    Temporary Management nelle PMI e opportunità del PNRR

  • 5 consigli per migliorare il Time Management

    5 consigli per migliorare il Time Management

  • Welfare aziendale: le conferme e le nuove tendenze

    Welfare aziendale: le conferme e le nuove tendenze

  • La pianificazione del rischio all’interno della realtà aziendale

    La pianificazione del rischio all’interno della realtà aziendale

  • Cambiare mentalità con il Performance Management

    Cambiare mentalità con il Performance Management

  • 5 priorità secondo i professionisti HR

    5 priorità secondo i professionisti HR

  • Decreto Aiuti: il contributo da 200 euro

    Decreto Aiuti: il contributo da 200 euro

  • Fiducia, flessibilità e digitalizzazione: buone pratiche delle PMI in crescita

    Fiducia, flessibilità e digitalizzazione: buone pratiche delle PMI in crescita

    Scarica gratuitamente il Modello F. i. c. O.
    per ottimizzare la gestione del personale.

    Studio Felli

    Da oltre 15 anni tuteliamo aziende ed imprenditori nella corretta ed equilibrata gestione dei rapporti di lavoro.

    Contatti

    Via Gregoriana 15, 00044 Frascati RM

    Telefono: 06 94015034

    Email: info@studiofelli.com

    Studio Roberto Felli | P.IVA 02348000601 | Via Gregoriana, 15 - 00044 Frascati (RM)