Telefono: 06 94015034 Email: info@studiofelli.com  Orari: Lun-Ven 10/13 - 15/18

Il concetto di produttività nell’era del lavoro ibrido

09 Novembre 2021
Il concetto di produttività nell’era del lavoro ibrido

Il 2020 è stato – per cause tutt’altro che pianificate – l’anno del lavoro da remoto, anche per il nostro paese. Stando ai dati del Politecnico di Milano, la crescita del numero dei lavoratori a distanza rispetto all’anno precedente è stata pari ad oltre dieci volte. Per quanto non manchino le polemiche sollevate da quanti si dichiarano fermamente contrari a questo tipo di evoluzione della prestazione lavorativa, la tendenza in atto è quella della cosiddetta ibridazione, secondo un modello fatto di alternanza tra presenza e distanza, che da più parti viene indicato come predominante anche per il prossimo futuro.

Tra voci e proclami assolutamente divergenti, che vanno da “Il lavoro dalle 9 alle 18 non esiste più!” fino a “Da lunedì tutti in presenza senza se e senza ma!”, rimane da analizzare con sufficiente lucidità un modello che presenta innegabili punti a suo favore, così come solleva alcune criticità da affrontare. Se da un lato è infatti evidente come, dal punto di vista dell’organizzazione del tempo e della riduzione dello stress legato al dover raggiungere quotidianamente il posto di lavoro, i benefici per il lavoratore siano tangibili, dall’altro non si possono non sottolineare i rischi connessi al possibile isolamento di alcuni collaboratori all’interno dell’azienda, con ripercussioni che potrebbero toccare così la sfera personale come quella organizzativa. Entrambi gli aspetti, i pro e i contro, sono destinati ad avere riflessi sulla produttività.

Anche a proposito della produttività da remoto le visioni sono spesso differenti: se per alcuni prevalgono gli effetti negativi dell’accresciuta difficoltà di collaborazione, per altri la maggiore libertà organizzativa e un maggiore livello di benessere personale si riflettono in benefici innegabili sul fronte produttivo, così come hanno dimostrato alcuni studi. Seppure entrambe le posizioni si basino su un fondo di verità, un passo avanti nella discussione può essere rappresentato proprio dall’aggiornamento al presente di ciò che si intende quando si parla di “produttività”.

Cosa significa aggiornare il concetto di produttività

Se tale concetto si vuole ridurre al freddo conteggio delle e-mail inviate dal singolo dipendente, o alla misurazione del tempo-lavoro certificato da un cartellino timbrato, si sta con ogni probabilità prendendo in esame solo una parte della questione, che potrebbe restituire indicazioni fuorvianti. Un processo più strutturato prevede certamente una cura particolare circa la qualità e la puntualità dei dati raccolti, l’analisi approfondita degli stessi al fine di immaginare soluzioni ideali in base alle necessità emerse, nonché un continuo procedimento di revisione che tenga in conto la volatilità delle situazioni e i continui cambiamenti in atto. Un po’ come passare dalla fotografia alla trasmissione in diretta video, tanto per intendersi.

Nel fare riferimento al concetto di produttività, per il leader dell’ambiente lavorativo dell’era ibrida, emerge l’importanza di considerare indicatori come il benessere del personale, le possibilità di collaborazione tra gli elementi del team e la necessità di stimolare un ambiente innovativo. Inevitabilmente tutto ciò farà parte dell’impostazione di strategie sostenibili a lungo termine e delle modalità nelle quali tali strategie saranno messe in atto.

I 3 aspetti chiave di un nuovo concetto di produttività

  • Collaborazione. Trovare un compromesso tra gli stili di lavoro individuali e le esigenze del team, organizzando le attività al fine di tirare fuori il meglio da entrambi gli aspetti.
  • Benessere. Gli individui sono diversi e così lo sono le loro esigenze e priorità. Per alcuni lavorare in presenza è un aspetto imprescindibile, così come lo è poterlo fare da remoto per altri. Conoscere più possibile le persone che compongono la squadra è la nuova sfida del leader del prossimo futuro.
  • Innovazione. Saper dotare l’azienda dei giusti strumenti digitali, e insieme organizzare tempi e modalità del lavoro per far sì che ci sia il giusto tempo per quei momenti in cui si scambiano idee e si fa innovazione di processo e di prodotto, sono elementi irrinunciabili.

Trovando un buon equilibrio in ognuno di questi singoli aspetti, e nella loro combinazione, la modalità ibrida di lavoro potrà essere davvero più performante di quella tradizionale. Non sembra infatti essere più il momento per cristallizzarsi in schemi predefiniti, quanto piuttosto quello di accettare il processo di cambiamento continuo in atto, modellando l’organizzazione secondo esigenze reali emerse da un’analisi meticolosa e senza preconcetti. Capirlo per tempo fornirà un vantaggio rispetto alla concorrenza anche in termini di produttività.    

Vuoi ricevere i nostri articoli via email? Inserisci i tuoi dati qui di seguito
Leggi gli ultimi articoli
  • Bonus 200 euro una tantum: lo stato dell’arte

    Bonus 200 euro una tantum: lo stato dell’arte

  • I trend della funzione HR, tra evoluzione e rivoluzione

    I trend della funzione HR, tra evoluzione e rivoluzione

  • Temporary Management nelle PMI e opportunità del PNRR

    Temporary Management nelle PMI e opportunità del PNRR

  • 5 consigli per migliorare il Time Management

    5 consigli per migliorare il Time Management

  • Welfare aziendale: le conferme e le nuove tendenze

    Welfare aziendale: le conferme e le nuove tendenze

  • La pianificazione del rischio all’interno della realtà aziendale

    La pianificazione del rischio all’interno della realtà aziendale

  • Cambiare mentalità con il Performance Management

    Cambiare mentalità con il Performance Management

  • 5 priorità secondo i professionisti HR

    5 priorità secondo i professionisti HR

  • Decreto Aiuti: il contributo da 200 euro

    Decreto Aiuti: il contributo da 200 euro

  • Fiducia, flessibilità e digitalizzazione: buone pratiche delle PMI in crescita

    Fiducia, flessibilità e digitalizzazione: buone pratiche delle PMI in crescita

    Scarica gratuitamente il Modello F. i. c. O.
    per ottimizzare la gestione del personale.

    Studio Felli

    Da oltre 15 anni tuteliamo aziende ed imprenditori nella corretta ed equilibrata gestione dei rapporti di lavoro.

    Contatti

    Via Gregoriana 15, 00044 Frascati RM

    Telefono: 06 94015034

    Email: info@studiofelli.com

    Studio Roberto Felli | P.IVA 02348000601 | Via Gregoriana, 15 - 00044 Frascati (RM)