Telefono: 06 94015034 Email: info@studiofelli.com  Orari: Lun-Ven 10/13 - 15/18

La gestione della busta paga nel 2022

07 Febbraio 2022
La gestione della busta paga nel 2022

L’elaborazione della busta paga 2022 viene influenzata dalle novità fiscali introdotte dal d.lgs. 230/2021 e dalla nuova Legge di Bilancio 2022 (L. 30 dicembre 2021, n 234) che, di fatto, determina una differente misura delle ritenute fiscali e del Bonus Irpef.

Le disposizioni normative prevedono:

  • Riduzione del numero degli scaglioni di reddito e variazione delle rispettive aliquote legali;
  • Rimodulazione del Trattamento Integrativo, introdotto dal D.L. 3/2020;
  • Introduzione dell’assegno unico universale per figli minori con conseguente eliminazione delle detrazioni fiscali per figli a carico, degli importi attualmente erogati a titolo di assegni per il nucleo familiare e delle detrazioni per famiglie numerose a far data dal 01.03.2022;
  • Riduzione parziale dello 0,8% sui contributi previdenziali INPS a carico del lavoratore dipendente.

A seguire, le specifiche delle singole fattispecie:

Nuove aliquote Irpef

La Legge di Bilancio 2022 apporta modifiche alle previsioni di cui all’art. 11, comma 1, del D.P.R. n. 917/1986 – TUIR, prevedendo:

  • La riduzione degli scaglioni di reddito da cinque a quattro;
  • La riduzione delle aliquote legali applicate ai redditi dal 15mila ai 50 mila euro;
  • L’aumento dell’aliquota legale applicata ai redditi oltre i 50 mila euro;

I redditi da lavoro dipendente saranno, perciò, tassati secondo i seguenti scaglioni di reddito e relative aliquote legali.

Rilevano le seguenti differenze tra il 2021 e il 2022:

Detrazioni d’imposta e trattamento integrativo d.l. 3/2020 (cd. Bonus Irpef)

  • Detrazione da lavoro dipendente

Le detrazioni per redditi da lavoro dipendente, disciplinate a norma dell’art. 13, comma 1, lett. a), b) e c) e comma 2 D.P.R. n. 217/1986 sono state rimodulate a partire dal periodo di imposta 2022 e risultano più corpose rispetto agli anni precedenti.

L’importo massimo detraibile ammonta ad € 3.100, incrementato di € 65,00 nella fascia di reddito tra € 25.000 e € 35.000. Le detrazioni sono riconosciute in maniera inversamente proporzionale all’aumentare del reddito, fino ad azzerarsi per redditi superiori a € 50.000.

Gli importi sono determinati come segue:

  • Trattamento integrativo

Quando spetta e come viene calcolato l’importo del trattamento integrativo?

Ove spettante, la misura massima erogabile del Bonus Irpef ammonta a € 1.200 annui da rapportare alla durata del rapporto di lavoro, calcolata come segue:

  • Spetta fino a € 15.000 e viene erogato quando l’imposta lorda ha un ammontare superiore alle detrazioni da lavoro spettanti;
  • Per redditi superiori a € 15.000 e fino a € 28.000 il trattamento integrativo riguarda gli incapienti, quali soggetti la cui imposta lorda è inferiore alle detrazioni.

Nel caso di specie, il Bonus Irpef spetta quando la somma delle detrazioni supera il valore dell’imposta lorda (IRPEF LORDA). Fermo restando il limite di € 1.200 annui, l’ammontare spettante sarà determinato dalla differenza tra le detrazioni di seguito elencate e l’Irpef lorda:

  • Detrazioni per carichi di famiglia (figli, coniuge e altri familiari di cui all’art. 12 TUIR);
  • Altre detrazioni da lavoro dipendente e assimilato (art. 13 comma 1 TUIR)
  • Detrazioni per oneri:
  • Mutui agrari e immobiliari per acquisto della prima casa, limitatamente agli oneri sostenuti in dipendenza di prestiti o mutui contratti fino al 31.12.2021 (art. 15 comma 1 lett a) e b TUIR)
  • Erogazioni liberali in denaro a favore di società e associazioni sportive dilettantistiche art. 15, comma 1-ter TUIR)
  • Spese mediche (art. 15 comma 1, lettera c) TUIR)
  • Rate per interventi di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica degli edifici e da altre disposizioni normative, per spese sostenute sino al 31.12.2021 (art. 16-bis TUIR)

Esempio per redditi tra € 15.000 e € 28.000: nel caso in cui il contribuente abbia un’imposta lorda pari a € 1.000,00 e con una detrazione per spese mediche pari a € 1.500,00; la detrazione potrà essere sfruttata fino a € 1.000,00. Si crea, in questo caso, una situazione di incapienza fiscale di € 500,00; tale differenza, rientrando nel limite massimo di 1.200 euro, verrà riconosciuta come trattamento integrativo.

Non spetta oltre € 28.000: con effetto dal periodo di imposta 2022 viene soppressa la c.d. Ulteriore Detrazione per titolari di reddito complessivo superiore a €28.000 e fino a € 40.000

N.B. In sede di conguaglio il sostituto di imposta deve verificare la spettanza del trattamento integrativo: nel caso in cui questo fosse stato erogato ma non dovuto, occorrerà recuperare gli importi. Qualora l’importo da trattenere superi i €60,00, il recupero sarà effettuato in otto rate di pari ammontare a partire dalla retribuzione in cui verrà effettuato il conguaglio.

Dalle detrazioni all’assegno unico universale per figli a carico: cosa cambia in busta paga

Il decreto legislativo n. 230/2021 istituisce, a partire dal 1° marzo 2022, l’assegno unico e universale per figli a carico che:

  • Abroga le disposizioni sull’assegno ai nuclei familiari, che continueranno ad essere riconosciuti per l’anno 2022 nelle sole mensilità di gennaio e febbraio;
  • Modifica le detrazioni per carichi di famiglia di cui all’art. 12 del TUIR, le quali si applicheranno solamente per altri familiari a carico e per figli di età superiore a 21 anni, ove ne ricorrano i requisiti:
  • Nel caso delle detrazioni coniuge e di altri familiari a carico, non rilevano modifiche rispetto alla precedente normativa.
  • Nel caso delle detrazioni per figli dai 21 anni, le stesse spettano quando il figlio a carico abbia un reddito complessivo annuo non superiore a € 2.840,51, elevati a € 4.000,00 per figli di età non superiore a 24 anni;
  • Abroga le detrazioni per famiglie con almeno 4 figli a carico, di cui all’art. 12 comma 1-bis TUIR, che continueranno ad essere riconosciute ove ricorrano determinati requisiti dettati dall’art.12 del TUIR: l’importo viene determinato su base annua e rapportato, in dodicesimi, relativamente alle due mensilità di gennaio e febbraio 2022.

Specifichiamo che i genitori non possono ripartire liberamente tra loro la detrazione per figli a carico in base alla convenienza economica:

  • In caso di genitori non separati: la detrazione è ripartita nella misura del 50%, salvo che gli stessi si accordino per attribuirla integralmente al genitore con il reddito complessivo di ammontare più elevato;
  • In caso di genitori separati o divorziati: la detrazione spetta interamente al genitore affidatario, salvo diverso accordo che può prevedere la ripartizione al 50% o attribuire l’intera detrazione al genitore che ha il reddito più elevato.

In caso di affidamento congiunto o condiviso la detrazione è ripartita al 50%, salvo diverso accordo che può attribuire l’intera detrazione al genitore con il reddito più elevato.

  • In caso di coniuge fiscalmente a carico dell’altro: la detrazione per figli compete a quest’ultimo per l’intero importo;
  • In caso di genitore mancante (decesso, mancato riconoscimento): spetta per il primo figlio la detrazione per il coniuge a carico (se più conveniente).

Esonero contributi previdenziali dei dipendenti nel 2022

Limitatamente al periodo 1° gennaio – 31 dicembre 2022 l’art. 1, comma 121 della L. 30 dicembre 2021, n. 234 introduce una riduzione contributiva di 0,8 punti percentuali dei contributi previdenziali INPS a carico del lavoratore. La riduzione spetta a tutti i lavoratori dipendenti che presentino una retribuzione imponibile mensile inferiore ad € 2.692,00.

  1. Tutti i rapporti di lavoro dipendente – ad eccezione del lavoro domestico:
  2. Generalità dei lavoratori – aliquota dal 9,19% al 8,39%
  3. Dipendenti di aziende soggette a CIGS – aliquota dal 9,49% al 8,69%
  4. Apprendisti – aliquota dal 5,84% al 5,04%
  5. Retribuzione imponibile – € 2.692,00 per 13 mensilità. Per il solo mese di dicembre, il limite di € 2.692,00 viene incrementato del rateo della tredicesima mensilità, che concorrerà, incrementandolo, a determinare l’imponibile contributivo su cui applicare l’esonero parziale.

Articolo redatto da Francesca Sinceri, Ilaria Tomolillo, Daniele Sanelli e Barbara Vieri – Studio Felli

Vuoi ricevere i nostri articoli via email? Inserisci i tuoi dati qui di seguito
Leggi gli ultimi articoli
  • Bonus 200 euro una tantum: lo stato dell’arte

    Bonus 200 euro una tantum: lo stato dell’arte

  • I trend della funzione HR, tra evoluzione e rivoluzione

    I trend della funzione HR, tra evoluzione e rivoluzione

  • Temporary Management nelle PMI e opportunità del PNRR

    Temporary Management nelle PMI e opportunità del PNRR

  • 5 consigli per migliorare il Time Management

    5 consigli per migliorare il Time Management

  • Welfare aziendale: le conferme e le nuove tendenze

    Welfare aziendale: le conferme e le nuove tendenze

  • La pianificazione del rischio all’interno della realtà aziendale

    La pianificazione del rischio all’interno della realtà aziendale

  • Cambiare mentalità con il Performance Management

    Cambiare mentalità con il Performance Management

  • 5 priorità secondo i professionisti HR

    5 priorità secondo i professionisti HR

  • Decreto Aiuti: il contributo da 200 euro

    Decreto Aiuti: il contributo da 200 euro

  • Fiducia, flessibilità e digitalizzazione: buone pratiche delle PMI in crescita

    Fiducia, flessibilità e digitalizzazione: buone pratiche delle PMI in crescita

    Scarica gratuitamente il Modello F. i. c. O.
    per ottimizzare la gestione del personale.

    Studio Felli

    Da oltre 15 anni tuteliamo aziende ed imprenditori nella corretta ed equilibrata gestione dei rapporti di lavoro.

    Contatti

    Via Gregoriana 15, 00044 Frascati RM

    Telefono: 06 94015034

    Email: info@studiofelli.com

    Studio Roberto Felli | P.IVA 02348000601 | Via Gregoriana, 15 - 00044 Frascati (RM)